Los Tios De Sicilia

ISBN: 8472234908
ISBN 13: 9788472234901
By: Leonardo Sciascia

Check Price Now

Genres

Currently Reading Drama Europeanfiction Fiction Italiano Italy Racconti Short Stories To Read Translation

About this book

Pubblicato nel 1958 nei «Gettoni» di Vittorini, poi di nuovo nel 1961 con l’aggiunta di un importante racconto, L’antimonio, che è un po’ un romanzo interrotto, Gli zii di Sicilia è la prima apparizione di Sciascia come narratore puro, fabulatore di storie che qui sono della Sicilia e della Spagna (la guerra civile nell’Antimonio). Con voce sommessa e ferma, con una sorta di energia compressa, raccolta in sé, lo Sciascia narratore disegna il suo primo territorio. E subito si riconoscono certi suoi tratti essenziali: l’attenzione alle cose e al dettaglio, il confronto perenne fra la Sicilia e il mondo (il libro si avvia con quell’evento subito favoleggiato che fu lo sbarco degli Alleati), la lucidità nel cogliere i paradossi, gli inganni e le beffe della storia (nella Morte di Stalin come anche nell’Antimonio). Mentre, dalla bocca di uno dei suoi personaggi, ascoltiamo una confessione che, letta oggi, potrebbe valere da epigrafe per tutta l’opera di Sciascia: «E mi sentivo come un acrobata che si libra sul filo, guarda il mondo in una gioia di volo e poi lo rovescia, si rovescia, e vede sotto di sé la morte, un filo lo sospende su un vortice di teste umane e luci, il tamburo che rulla morte. Insomma, mi era venuto il furore di vedere ogni cosa dal di dentro, come se ogni persona ogni cosa ogni fatto fosse come un libro che uno apre e legge: anche il libro è una cosa, lo si può mettere su un tavolo e guardarlo soltanto, magari per tener su un tavolino zoppo lo si può usare o per sbatterlo in testa a qualcuno: ma se lo apri e leggi diventa un mondo; e perché ogni cosa non si dovrebbe aprire e leggere ed essere un mondo?».

Reader's Thoughts

Cloudbuster

Quattro racconti lunghi legati alla Sicilia scritti da Sciascia sul finire degli anni 50. I primi due sono ambientati alla fine della seconda guerra mondiale mentre il terzo è ambientato negli anni dal 1848 al 1860 e si conclude con l'arrivo di Garibaldi. L'ultimo racconto ha come protagonista un giovane siciliano che fugge dalla povertà e dallo sfruttamento delle solfatare e si arruola volontario tra le truppe fasciste che vanno in soccorso di Franco nella guerra civile spagnola. In tutti i racconti ritroviamo il comune denominatore della descrizione della società rurale siciliana e dell mentalità dei siciliani, dell'ipocrisia e dell'avidità della classe dirigente e della sua collusione con i "galantuomini d'onore" e del fatalismo della popolazione che rende vano qualsiasi tentativo di riforma. Tutti temi che ritroveremo nelle successive opere di Sciascia e che saranno punti cardine di gran parte della sua produzione.Il mio preferito è il primo racconto, in cui si parla del difficile rapporto con i siciliani d'america all'indomani della liberazione dell'isola dai fascisti ma tutti e quattro i racconti si lasciano leggere piacevolmente. Rimane, però, una sensazione di incompiutezza. Come se questi racconti siano stati solo una sorta di allenamento, di lavoro preparatorio, in vista delle opere della piena maturità.

Mary

Straight back into life as it happened for example during WWII or 1848 with a hilarious portrayal of local aristo's affair. 4 short stories of Sicilian ways, gritty & sinewy. Some great laughs along the way.

Graham Willis

Four novellas set in Sicily each set in a pivotal moment in the islands history; Garibaldi’s insurrection, the Spanish civil war, the American invasion at the end of WW2 and the period of fascism under Mussolini. The stories revolve around the idea of the Sicilian Uncle, a not-quite father figure of authority or menace.Each section richly describes how these great historical events changes the lives of those in remote, rural Sicily. The section on the Spanish civil war moves the action to Spain, where many Italians fought on the side of the fascists at the behest of Mussolini.Each of the stories are fascinating; the observations are utterly convincing and the writing has the lucidity of a master.

Howard

Four novellas set at various times in Sicily's history full of authentic detail, originally published in 58. It's not purely comic but Sciascia's sense of humour is there on almost every page and I laughed out loud many times. He's a great storyteller too and his writing is refreshingly unflabby.

Share your thoughts

Your email address will not be published. Required fields are marked *